Trappole fai da te per vespe, calabroni, mosche e zanzare

  Come costruire delle trappole cattura insetti e non solo,con prodotti di recupero a costo zero.  

L’occorrente per la trappola per insetti fai da te
I materiali che verranno utilizzati per le costruzioni,sono alla portata di tutti,il più prodotti di riciclo,bottiglie di plastica per acqua e bibite finite,sottovasi per fiori,un bidone di pittura ben lavato,una forbice da vite,una forbice comune o un taglierino,uno stagnatore economico (costa pochi euro e può stare sempre comodo).

Le istruzioni per la costruire una trappola fai da te per calabroni ed altri insetti volanti
Prendete la bottiglia di plastica da un litro e mezzo o meglio da due litri (per lo scopo vanno ottimamente quelle di coca-cola ) con uno stagnatore ben caldo,praticare nella parte alta a metà dell’ingrossamento,2-4 fori di 2 cm di diametro,circa,se non si ha uno stagnatore,si può usare un taglierino o della forbici,ma è meno agevole.

Fatti i fori,svitare il tappo,praticare un forellino dove farete passare o un filo di ferro o uno spago per poter appenderlo.

Per la cattura di insetti più piccoli (mosche e zanzare), vi consiglio di praticare fori minori di diametro minore.

Ricette Base per attrattivi da inserire nelle trappole:

Mosca dell’olivo:
esca proteica o acqua e ammoniaca;
Mosca della frutta:
succhi di frutta,frutta da buttare;
Mosconi e mosca comune:
acqua con carni di scarto o avariate (sia animale che pesce),non affettati o carni salate;
Vespe, Calabroni:
Birra, acqua con zucchero (normale o di canna,non fa differenza) aceto di vino rosso o birra,volendosi può aggiungere frutta stra-matura (da buttare).
500 ml acqua,
3-4 cucchiai da minestra di zucchero
un bicchiere di vino rosso
alternativa:
500 ml di birra
2-3 cucchiai di zucchero
Zanzare:
200ml di acqua, 50g di zucchero , 1-3 gr. di lievito di birra
Afidi:
Per combattere gli afidi il vecchio macerato d’ortica è sempre molto efficace.

Prelevare un chilogrammo di ortiche,meglio di più che di meno,sminuzzarle grossolanamente,porle in un recipiente capace (i vasi bianchi di pittura vanno benissimo,sul coperchio praticate alcuni fori da 8-19 mm) riempiendo il tutto d’acqua,l’ideale sarebbe quella piovana,applicare il coperchio e riporlo in luogo non soleggiato per 24-36 ore massimo,filtrare e irrorare dove sia predente la colonia degli afidi.
Non è tossico per gli impollinatori e neppure per l’uomo,in ogni caso,sempre meglio lavare bene bene prima di consumare,il “profumo” del macerato non è proprio gradevole.
Chiocciole e Limacce:
Quanti di Noi dopo aver visto distrutte Lattughe,Basilico,Verze ecc dai famelici  gasteropodi è andato ad acquistare il prodotto lumachicida?
Ebbene,anche per questo problema c’è soluzione fai da te.
Servono:
– 2 sottovasi rotondi per fiori,uno dei quali con diametro assai maggiore,dovrà fare da tetto pr quello più pio piccolo.
– 5 o più stecchetti di legno,o altro tutti uguali in lunghezza,in grossezza non ha importanza,lunghi non meno di 20 cm.
-Una pietra,mattone o altro di buona consistenza
– Birra bionda (quella super-economica va benissimo).
Posare a terra il sottovaso più piccino,conficcare nella sua circonferenza,creando una struttura su cui appoggiare il sottovaso più largo rivolto in basso,posare il sasso sopra onde evitare che il vento lo scoperchi.
Finita l’opera,versare la birra nel sottovaso a terra,riempiendolo quasi sino al bordo.
Consiglio ogni giorno di rimuovere gli “ubriaconi” stecchiti,per non inquinare la birra,

Trappole ecologiche già pronte all’uso:
Le si trova anche in centri agrari,negozi che vendono prodotti per giardinaggio,i 3 contenitori sottostanti,li si trova online.

   

Posted on