Seminare l’orto

Per iniziare a coltivare l’orto ci sono due possibilità: partire dal seme oppure acquistare piantine già formate. Personalmente consiglio se possibile di iniziare dal seme, perché assistere alla germinazione e auto prodursi le proprie piantine sono soddisfazioni uniche, oltre a essere più economico rispetto all’acquisto in vivaio.
Ecco quindi una guida alla semina, che spero possa essere utile a tutti quelli che si vogliono cimentano in questa  avventura, in particolare a chi possiede varietà locali antiche.
QUI SPIEGO COME AUTOPRODURSI I SEMI

La semina
Per semina si possono intendere:
-La semina in semenzaio
-La semina diretta nell’orto.

I semi possono essere seminati a spaglio,  per file, oppure ancora per poste.
Un trucco semplice per evitare ammucchiamenti di semi è mescolarli con sabbia o terriccio fino,in questo modo i semi vengono maggiormente diradati.
Questi tre metodi sono validi per la semina all’aperto e per cultivar che crescono raggruppate,tipo lattughino,rucola,spinacci,ecc non per cultivar che necessitano di spazio,pomodoro,melanzana ecc.
L’alternativa è coltivare, formando piantine in vaso da trapiantare in seguito, questa va fatta per tempo in semenzaio.
Per favorire la germinazione,il seme và riposto in un foglio scottex inumidito con infuso di camomilla (non quella solubile),raffredato.
QUI SPIEGO COME FARE

COME LAVORARE IL TERRENO DELL’ORTO
Posted on