L’orto di casa

Coltivare l’orto di casa di per se non è difficoltoso.
Vanno tenute in debita considerazione alcune prerogative,quali:

L’esposizione alla luce del sole
La composizione del terreno
Il ph del terreno

Iniziamo,
Dissodare il terreno,i motocoltivatori  fanno la parte del leone in orti di medio/grande dimensione,dopo averlo arato con l’aratro,lo si fresa in modo che il terreno sia soffice,areato affinchè le giovani piantine possano attecchire e radicare facilmente.
Per appezzamenti medio/piccoli,l’alternativa al badile è la motozappa,se di buona qualità,potete acquistare un assolcatore che vi permetterà,con poca fatica,fare solchi perfetti.


In fase di aratura,o fresatura si apportano gli elementi nutritivi,vanno dosati con accuratezza,non sempre a tanto concime corrisponde tanta produzione,anzi,il troppo azoto,fa si crescere rigogliose le piante,ma può accadere che facciano molto sviluppo e pochi frutti,andiamoci cauti.


La concimazione,
Qui c’è da sbizzarrirsi,chi opta per il letame di origine animale,chi usa il compost fatto con gli scarti vegetali,chi (come me) usa l’emendante pellettato con aggiunta del 20% di concime minerale NPK,chi solo concimazione chimico/minerale.
Ognuno fà come preferisce,l’unica avvertenza sta nell’uso di concimazione organica,il letame o il compost,deve essere ben stagionato,di colore scuro e non deve emanare alcun odore del materiale che lo compone.
L’utilizzo di letame o compost non maturo,implica lo spargimento nel terreno di batteri che arrecheranno gravi patologie alle vostre cultivar,una delle quali,la malattia del colletto (Phytophthora cactorum),letale.poi il generare nematodi completa l’opera,abbiate cura,


Orientamento dei solchi
E’ fondamentale orientare i solchi con disposizione NORD-SUD affinchè l’irradiazione solare sia ottimale.


Pacciamatura,
Per me è assai importante,la si può fare in vari modi,i principali:

Naturale,con paglia,fieno,i pro che finito il loro ciclo,possono essere inglobati nel terreno,i contro sono l’instabilità alle avverse condizioni meteo,in primis il vento,scarsa ritenzione idrica.
Con film in polietilene si ha una valida protezione contro le infestanti,messo bene una buona tenuta ad avversità meteo,un’ottima ritenzione idrica (non fà evaporare l’umidità del terreno)permette di ridurre l’irrigazione,non lascia tracce nel terreno


Posted on